Galletti Stefano

Busto di Giuseppe Borselli

XIX secolo

esposta

Commissionato da Giuseppe Borselli (1809-1892) in coppia con un secondo busto della consorte Felicita Serravalle, oggi irreperibile, il ritratto appare naturale e comunicativo, pienamente in sintonia con il gusto dell’epoca. Borselli, figlio di Arcangelo e della contessa Vittoria Chiarelli, sostenitore e committente di Galletti in varie occasioni, ebbe un ruolo politico importante nella Cento d’età postunitaria, ma anche nella storia risorgimentale italiana e in seguito nel nuovo stato sabaudo, di cui fu senatore dal 1880. L’opera fu lasciata in eredità alla Cassa di Risparmio di Cento, ente creditizio al quale Borselli era molto legato, essendone stato tra i soci fondatori e presidente, effettivo dal 1859 al 1884 e onorario dal 1885 al 1889.

L'opera appartiene alla Collezione d'arte CREDEM ed è in deposito presso la Civica Pinacoteca.

Autore Galletti Stefano
Tipologia Scultura
Tecnica Marmo bianco
Misure 69x54x35cm